No ad un Expo Padano. Altre considerazioni sulla vicenda dei Bronzi di Riace

Art.66 co. 2 del Codice dei Beni Culturali (2004):

“Uscita temporanea per manifestazioni”

Non possono comunque uscire:
a) i beni suscettibili di subire danni nel trasporto o nella permanenza in condizioni ambientali sfavorevoli;
b) i beni che costituiscono il fondo principale di una determinata ed organica sezione di un museo, pinacoteca, galleria, archivio o biblioteca o di una collezione artistica o bibliografica.

Ovviamente nell’articolo sopracitato la fattispecie in analisi è “l’uscita temporanea dal territorio della Repubblica”.
Ciò nondimeno, è assurdo pensare che lo stesso criterio non debba e non possa valere in casi di trasporto per manifestazioni organizzate all’interno del territorio nazionale. Criterio appunto utilizzato dalla Regione Sicilia in una recente delibera per vietare l’uscita temporanea di alcune opere, rientranti nella categoria dell’art.66 co.2, tassativamente previste ed elencate.

La norma è illuminante per comprendere al meglio i confini di legittimità e oppurtinità di un eventuale trasporto dei Bronzi di Riace in vista dell’Expo di Milano. Vicenda neanche troppo attuale, date le precedenti polemiche sul trasporto dell’opera risalenti ai lontani anni ’80.
Polemiche relative proprio al divieto di esportazione temporanea all’estero, e in quel caso negli Stati Uniti, dei Bronzi di Riace.
In quel caso, il Comitato Tecnico-Scientifico per l’Archeologia del Ministero per i beni e le attività culturali giustificò il rifiuto sottolineando i rischi immanenti di lesioni e danneggiamenti. Rischi dovuti all’allora recente restauro, successivo al disseppellimento dal fondo sottomarino. I tecnici definirono i famosi Bronzi “fragili come due gusci d’uovo“.
Parere che, nonostante i sorprendenti progressi tecnologici nella conservazione e nelle tecniche di trasporto delle opere, sembra permanere ancora oggi, stando alle parole dei tecini in questi ultimi 20 anni.

Ritornando al profilo normativo dunque, la questione “Trasporto Bronzi” sembra assolutamente rientrare all’interno dell’articolo 66 e del conseguenti divieto di “uscita temporanea per manifestazioni”:

sono suscettibili di subire danni del trasporto
– costituiscono il “fondo principale” del Museo

A tal proposito considero sterili le proposte di Sgarbi e di Daverio, basate rispettivamente sullo scambio con delle opere di Caravaggio o con il trasporto di uno solo dei Bronzi.
Un Museo in difficoltà per diversi anni a causa dei continui restauri, non può reinventarsi con nuove opere totalmente slegate dal patrimonio di quel museo.
Il danno per la Calabria sarebbe considerevole. E anche qui Sgarbi risulta fuori luogo sottolineando che i Bronzi “sono proprietà dello Stato e non della Calabria”. Certo, ma la Calabria è Italia, e “La Repubblica” dovrebbe promuovere “lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica.Tutelare il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione” (art.9 Costituzione). Politiche che favoriscano lo sviluppo culturale e artistico delle aree più in difficoltà del nostro Paese, questo è sicuramente il modo più consono per rendere onore al dettato costituzionale.

La scelta di trasportare i Bronzi va assolutamente nella direzione opposta. Si tratta di una scelta brutalmente “provinciale” dalle evidenti sfumature “leghiste”. Ai piani alti del Pirellone evidentemente si cerca, dopo aver risolto la pratica più importante, quella legata agli appalti, di far diventare l’Expo qualcosa di prettamente “Lombardo” e “Padano”.

L’Expo o diventa un’arma efficace per favorire lo sviluppo del Paese tutto o sarà stato solo un grande favore per palazzinari e politicanti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...