La Riforma Costituzionale non supera il Bicameralismo Perfetto

Citare Berlinguer per sostenere le ragioni del SI alla Riforma Costituzionale è totalmente fuori luogo. Berlinguer era un sostenitore del “Monocameralismo”, questa riforma invece non supera neanche il bicameralismo perfetto (come sostengono, invece, i sostenitori del SI).

Per avere conferma di quanto vi dico, basta leggere interamente l’art.10 del DDL BOSCHI, articolo dedicato al nuovo “procedimento legislativo“.

image

La funzione legislativa è (ancora) esercitata collettivamente dalle due Camere:

✔ per le leggi di revisione della Costituzione, le altre leggi costituzionali
✔ per le leggi di attuazione delle disposizioni costituzionali concernenti la tutela delle minoranze linguistiche
✔ per le leggi sui referendum popolari
✔ per le leggi che determinano l’ordinamento, la legislazione elettorale, gli organi di governo, le funzioni fondamentali dei Comuni e delle Città metropolitane e le disposizioni di principio sulle forme associative dei Comuni 

Inoltre:
👉 Il Senato inoltre mantiene poteri sulle nomine di competenza del Governo, nei casi previsti dalla Carta.

👉 Il Senato mantiene la funzione legislativa (insieme alla Camera) sui rapporti tra Stato, Unione Europea e enti territoriali.

👉 Il Senato può decidere – su richiesta di un terzo dei Senatori – di proporre modifiche su una legge approvata dalla Camera. Solo nel caso di leggi che riguardano le competenze regionali, il voto del Senato è obbligatorio.In tutti gli altri casi, se il Senato non agisce entro il termine di 10 o 15 giorni (a seconda delle materie), le leggi entrano in vigore.

👉 La Camera potrà ignorare le modifiche approvate dal Senato, riapprovando la legge così com’è, o accettare le modifiche.Ma con un’eccezione: se si tratta di leggi che riguardano le competenze legislative esclusive delle Regioni o leggi di bilancio, la Camera può ‘superare’ le modifiche volute del Senato solo a maggioranza assoluta dei suoi componenti.

Inoltre, argomento non di poco conto (anzi), tutte queste funzioni legislative saranno esercitate da Senatori non più eletti dai cittadini ma dai Consiglieri Regionali

Annunci

One Comment

Add yours →

  1. Nando Zanchetta maggio 25, 2016 — 4:18 pm

    Grazie per il Suo puntuale articolo. Forse con la dizione “bicameralismo perfetto” si intende che tutto cio’ che approva la Camera, lo approva anche il senato.
    Con la riforma, come risulta da quanto da Lei scritto, cio’ non e’ piu’ vero.
    In questo senso, la riforma supera il “bicameralismo perfetto” ma non supera il “bicameralismo”.

    Consiglierei di cambiare il titolo dell’articolo (e l’immagine annessa) per restituire verita’ completa e credibilita’ a quanto da Lei asserito.
    Nel diritto costituzionale, come altrove, le parole contanto molto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: